Comunicato Ordine dei Medici di  Napoli

Pubblicata il: 11 gennaio 2017

Autore: Silvestro SCOTTI

Voglio ringraziare i medici che hanno curato a terra i pazienti nel pronto soccorso di Nola.

Voglio ringraziare tutti i colleghi: medici ospedalieri, medici di famiglia, specialisti ambulatoriali, della continuità assistenziale, dell’emergenza sanitaria territoriale. Tutti i medici che lavorano in strutture sanitarie private accreditate che in qualche modo hanno contribuito a rendere sostenibile il dramma assistenziale di questi giorni.

Ringrazio questi colleghi che hanno offerto altissima competenza professionale e clinica in un contesto a dir poco problematico.

Come Presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, come medico e come uomo posso dire che il lavoro portato avanti in Campania fa onore alla professione.

I dati epidemiologici precedenti al Natale (Influnet) rendevano prevedibile un carico di lavoro enorme a causa dell’epidemia influenzale. Questi dati ci dicevano già ad inizio di dicembre che l’influenza avrebbe avuto incidenza doppia, se non addirittura tripla, rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente.
A tutto questo si è aggiunta la psicosi mediatica della meningite.

Ma il problema, lo ripeto, era prevedibile.

Voglio anche ribadire che questo non è un fenomeno solo campano, in condizioni di super afflusso sono tutti gli ospedali d’Italia.

Siamo preoccupati e indignati dei processi sommari che appaiono dai resoconti di stampa su medici in assenza delle doverose motivazioni.

Ricordiamo che gli Ordini dei Medici sono organi ausiliari dello Stato e per questo pretendiamo che ci vengano rese note le motivazioni che hanno portato alle sospensioni o peggio a minacce di licenziamento.

Queste motivazioni le attendiamo perché serviranno ad adottare se fosse il caso i doverosi e conseguenti procedimenti disciplinari. Se però queste motivazioni non esistessero, allora qualcuno dovrà chiedere scusa a tutti i medici campani.

 

 

  
Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie.