STOP all'  antibioticoresistenza

Pubblicata il: 1 novembre 2018

Autore: Francesco Paolo DE LIGUORO

E' giunta l'ora di dire BASTA all'uso improprio degli antibiotici. Basta all'antibioticoresistenza.

A partire dal 1° novembre 2018, in Campania, è obbligatorio per tutti i medici prescrittori, siano essi MMG o Specialisti Ambulatoriali, Ospedalieri, Universitari, di Strutture Accreditate, ecc. ecc., specificare il codice ICD9-CM a tre cifre della malattia, allorqando si prescrive un antibiotico; tale obbligatorietà è finalizzata al miglioramento del comportamento prescrittivo, per ridurre e/o limitare il fenomeno dell'antibiotico-resistenza.

E' sicuramente un cambiamento epocale che coinvolgerà nel giro di pochi giorni tutta la Classe medica campana.

Si è oramai arrivati ad un punto di non ritorno: l’uso massiccio in terapia degli antibiotici ha progressivamente favorito lo sviluppo di popolazioni batteriche sempre più insensibili agli stessi e limitando così anche la possibilità di terapia in molte infezioni anche più pericolose.
I cittadini-pazienti, ma anche gli stessi addetti ai lavori dovranno necessariamente comprendere l’importanza di ricorrere a tale classe di farmaci SOLO quando realmente ed effettivamente necessari.

Ecco quindi la svolta resasi necessaria in Campania.

I gestionali dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta aiuteranno quest'ultimi nel momento del rilascio di una ricetta dematerializzata, infatti, a partire da oggi questi software sono stati modificati con apposite patch che impedirà loro la prescrizione di un qualsiasi antibiotico se non è stata prima inserita correttamente la patologia per la quale tale farmaco viene prescritto.

La domanda che però ci facciamo e che si fa in particolare il sottoscritto, sono pronti tutti i medici ospedalieri, universitari, specialisti ambulatoriali, privati, ecc. ecc. ad ottemperare a tale norma, o come al solito il problema ricadrà come sempre sull'ultimo anello della catena prescrittiva, ovvero sul Medico di Medicina Generale, innescando così nuovi conflitti con i pazienti, che come è ben noto spesso ne fanno un uso autonomo anche senza alcuna prescrizione medica ?

Speriamo di sbagliarci, ma sapendo come vanno le cose, CERTIFICATO DI MALATTIA TELEMATICO DOCET (della serie "Chi la visto ?") ... mah, lasciamo perdere.

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per consentire una migliore navigazione. Se si continua a navigare sul presente sito, si accettano i cookie.