Il nostro Vesuvio



Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Napoli (Reg. n° 32 del 30.3.11)
Direttore Responsabile: Francesco Paolo DE LIGUORO

 

  Area Riservata

Login
Per registrarsi  >>>

Che tempo a Napoli ?



Notiziari
  WEB - TV  


Occhio alla Professione



Videoguide

Il punto

L'eccessivo carico di competenze e la burocratizzazione del proprio lavoro allontana sempre più il medico dal proprio assistito ........


www.medicidiercolano.it
2 anni di successi


 Il tuo indirizo IP è 54.146.50.80


Per interagire con noi entra nel

FORUM

 Partecipa al nostro forum facendo e rispondendo alle domande di carattere sanitario.

Sceglimi come pagina iniziale


Aggiungici
tra i preferiti

SONDAGGI

1) Secondo te è giusto che i farmaci siano venduti nei supermercati ?

2) Come si può ridurre secondo te la spesa sanitaria in Campania ?

3) Cosa ti tiene lontano dallo studio del medico ?



Tempo Libero



Pillola poetica


Album fotografico

 

Previsioni del tempo


Cosa occorre per migliorare il sito?
Mi sono vaccinato e la consiglio senza problemi ai pazienti a rischio
Non mi sono vaccinato, ma la consiglio ai miei pazienti a rischio
La consiglio ai miei pazienti, ma ho qualche perplessità
Non la consiglio poiché ho molte perplessità
Per il momento sono indeciso




Medici interessati alle sostituzione per la Medicina di Base

Iscrivetevi nel nostro database, sarete contattati


Logo


vai su
 

 

Il Punto !
Considerazioni, riflessioni, osservazioni, meditazioni, pensieri ed ......... ancor di più, inerenti la sfera medica.
Per pubblicare il Vostro PUNTO di vista ......... scriveteci 

 
Il Punto :  alcune riflessioni sulla nuova procedura di certificazione di invalidità civile online

Un gran numero di medici e pediatri, iscritti e non alla Cooperativa MediCoop VESEVO, provenienti dai diversi comuni della fascia vesuviana, si sono riuniti venerdì 5 febbraio, nella sede di Torre del Greco, per ritirare i PIN rilasciati dall'INPS per le certificazioni online di invalidità civile e per ascoltare i due funzionari INPS presenti, i dott.ri Ferraioli e Napolitano, che hanno intrattenuto i presenti dirimendo i tanti dubbi sulla nuova certificazione.
Di fatto, le nuove competenze per l'accertamento dell'invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità attribuite all'INPS grazie all'art. 20 del decreto legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito in legge con modificazioni dalla legge 3 agosto 2009 n. 102, titolato “Contrasto alle frodi in materia di invalidità civile", costituiscono una pietra miliare nel nuovo processo di certificazione.
Già dal titolo della nuova disposizione legislativa si comprende quali sono le nuove finalità di questa nuova certificazione online: contrastare le frodi !!  e questo processo passa inevitabilmente per il medico di Medicina Generale.
Ebbene, a mio modesto avviso, l'incontro tenuto nella sede della MediCoop VESEVO ha chiarito molte delle perplessità poste; pertanto,  volendo riassumere in un "decalogo" i punti salienti del nuovo processo certificativo possiamo riassumere nei seguenti punti il tutto:

• 1)  a decorrere dal 1° gennaio 2010 le domande vanno presentate all'INPS esclusivamente per via telematica; è consentita una fase transitoria durante la quale l'Ente accetterà le domande su cartaceo, anche per consentire che tutti i professionisti si dotino del codice PIN, ma soprattutto (e questo ci è stato solo sussurrato) per evitare contenziosi che si potrebbero realizzare tra l'INPS ed eventuali utenti necessitanti di una visita urgente perché affetti da patologia grave, come può essere ad esempio una neoplasia; infatti, per questi pazienti, in attesa che il sistema informatico entri a regime, i tempi di attesa potrebbero divenire fatali.  E' evidente, però, che questa transitorietà, seppure ammessa dall'Istituto, sarà certamente breve, pertanto sarebbe opportuno cha anche gli stakanovisti di carta e penna, ovvero quei medici che vedono sempre negativa qualunque novità informatica, si dessero una mossa e decidessero di ritirare questo benedetto PIN. Non si può fermare il progresso e soprattutto se questo comporterà tempi brevi nelle visite di invalidità e maggiore trasparenza: tutti NOI ne abbiamo bisogno !!

• 2)  Il medico dopo aver compilato il certificato online lo stampa e lo consegna al paziente richiedente, insieme all'attestato di certificazione (importantissimo) che contiene un numero di protocollo calcolato dal sistema e la fattura di pagamento del certificato stesso. Alla certificazione andrà applicata l'IVA.
Sarebbe opportuno che il certificato stesso, che dovrà essere consegnato dal paziente al Presidente della Commissione esaminatrice all'atto della visita, venisse chiuso in busta, per evitare che riflessioni, considerazioni, consigli, ecc. ecc., come è già purtroppo capitato, vengano fatte da qualche membro di qualche Patronato o Associazione di categoria deputato alla trasmissione telematica all'INPS.

• 3)  Il paziente, dopo aver ricevuto il certificato dal proprio medico, avrà 30 giorni di tempo per inviare la domanda di invalidità all'INPS. Tale domanda può essere inviata dal cittadino stesso, se questi è in possesso di un PIN che viene rilasciato agli utenti che ne fanno richiesta all'INPS stesso, oppure in alternativa può essere inviato dai Patronati o dalle associazioni preposte. Quest'ultime, per tale invio telematico, dovranno operare sempre a carattere gratuito.
Si ribadisce, quindi, una volta per tutte, che sia i Patronato, le Associazioni di categoria o il cittadino stesso, dovranno inviare esclusivamente per via telematica la domanda di invalidità civile.

• 4)  Sulla stessa domanda di invalidità civile possono essere inoltrate più richieste, ad esempio di invalidità civile e di accertamento dell'handicap (L. 104/1992); pertanto anche il medico, quando redige un certificato online, può biffare più richieste sullo stesso certificato e non occorre che invii più certificati.

• 5)  E' fondamentale che il certificato medico, sia abbinato alla domanda di invalidità entro il tempo massimo di trenta giorni dal suo rilascio; superato tale termine, il numero di certificato impresso sulla ricevuta non sarà più utilizzabile per l’inoltro telematico delle domande stesse. Quindi bisognerà raccomandare i propri assistiti di preoccuparsi di inviare o far inviare la domanda di richiesta di invalidità civile entro tale termine; in caso contrario questi saranno costretti a richiedere un nuovo certificato.
Tutto ciò è motivato dal fatto che il sistema informatico provvede a cancellare automaticamente i certificati redatti non susseguiti da apposita domanda entro 30 giorni. Questa procedura, in sostanza, tranquillizza anche quei medici che hanno "sbagliato" a redigere un certificato: questo rimane nel sistema, ma per soli 30 giorni, successivamente decade automaticamente.

• 6)  Dopo che la domanda inoltrata dal cittadino o dal Patronato perviene all'INPS, questi provvederà a trasmettere, in tempo reale e sempre in via telematica, le domande alle ASL di appartenenza.

• 7)  Le Commissioni mediche ASL deputate alla visita saranno integrate da un medico dell’INPS quale componente effettivo.

• 8)  Nel caso che nel redigere un certificato il medico si trovi nella circostanza di dover segnalare più di cinque patologie con i codici ICD-9, egli dovrà provvedere a redigere un secondo certificato. Il codice fiscale del paziente costituirà l'anello di congiungimento dei due certificati, che di fatto costituiscono un solo certificato.

• 9)  Il codice ICD-9 sul certificato assume un ruolo fondamentale,  perché con esso si potranno creare appositi database nazionali individuanti aree ove sono presenti patologie più frequenti e quindi individuare facilmente quali sono le patologie più invalidanti; pertanto, gli stessi software della medicina generale, implementati con la stampa del certificato di invalidità su formato pdf, seppur meritori, di fatto allo stato sono praticamente inutili. Crediamo pertanto che sarebbe opportuno, semmai, semplificare il sistema online dell'Inps consentendo che il medico abbia, in alternativa, anche la possibilità ad inserire direttamente il codice ICD-9 della patologia, oltre che ottenerlo automaticamente dal menu a cascata. Per questa richiesta dovrebbero adoperarsi le OO.SS.

• 10)  In caso di richiesta di una doppia certificazione di invalidità civile, di accertamento dell'handicap (L. 104/1992), o di disabilità (L. 68/1999), come già sottolineato al punto 4, basterà inviare un solo certificato, biffando sullo stesso le diverse richieste inoltrate dal nostro assistito.

• 11)  In caso di richiesta di visita domiciliare DOPO che il certificato è stato già inviato per sopraggiunto aggravamento di patologia, il medico avrà la facoltà di richiedere, sempre per via telematica, collegandosi al sito dell’Inps, il certificato medico di richiesta di visita domiciliare. Tale richiesta andrà inoltrata almeno 5 giorni prima della data già fissata per la visita ambulatoriale; sarà cura del Presidente della Commissione di pronunciarsi in merito alla certificazione,  disponendo o meno la visita a domicilio.

• 12)  Tutto il processo amministrativo e sanitario, nonché lo stato di lavorazione della domanda successivamente alla conclusione della fase sanitaria sarà consultabile dal cittadino o dagli Enti di patronato direttamente sul sito www.inps.it, attraverso un PIN rilasciato dall'Istituto.
Anche questo pertanto rappresenterà un evidente segnale di trasparenza

Volendo pertanto concludere l'odierno punto, personalmente, ritengo meritoria l'iniziativa posta in essere dall'INPS ed in tutta onestà non riesco a comprendere l'atteggiamento ostativo di taluni Colleghi nei confronti di questa procedura.
Non per fare il primo della classe, ma personalmente ho valutato che redigere una certificazione online comporta molto meno tempo rispetto alla cartacea e trovo a dir poco ingiustificato gli allarmismi messi in essere su più forum di medicina generale.
E' pur vero che talora il sistema si "imballa" e suggerisce di riprovare la procedura dopo cinque minuti; in tali circostanze è evidente che si tratta di congestione della rete informatica e pertanto, a mio avviso, è opportuno desistere, andare a prendere un bel caffè e rimandare la procedura.
Nella circostanza in cui i Colleghi si trovino nella impossibilità di rimandare la stesura del certificato, è opportuno uscire da internet e provvedere a cancellare i cookies. Per quest'ultimo suggerimento abbiamo approntato un'apposita videoguida
Comunque, quello che mi permetto di consigliare è di redigere il certificato SEMPRE fuori l'orario di ambulatorio e con il proprio software di cartella clinica aperto per consentire un comodissimo "copia e incolla" .
Augurandomi che questo piccolo decalogo possa essere d'aiuto a qualcuno, concludiamo l'odierna rubrica, rimandandoVi quindi al prossimo "PUNTO"

by Webmaster

 

 
 
Pubblicità
Pubblicità
 
 
vai su
 
 
Utenti online : 1658
Pubblicità



Accreditato Hon Code

Cerca nel sito

Per contattarci

Firmate il nostro "libro degli ospiti"


GUESTBOOK


Occhio alla Professione


Codice Fiscale


PORTOBELLO
mercatino dell'usato

 
Links


F.I.M.M.G.

Ministero della Salute

Comune di Ercolano

E.N.P.A.M.

F.N.O.M.C.e O.

MediCoop VESEVO

Notizie ANSA

La Repubblica

Corriere della sera

La Gazzetta dello sport

Meteo


Pubblicità

 

Medicina in Rete

nome utente:

password:




Utenti non registrati

Album fotografico



Ascolta la radio
  Radio Capital         
  Radio Deejay         
  Radio Italia             
  Radio Marte           
  Radio MonteCarlo  
  Radio M20             
  Radio RDS             
  Radio Subasio       
  Radio KissKiss      
  Radio Digital radio  
  Radio 105              

Per la radio e la TV è necessaria una connessione
ADSL

TV on line
  La 7                       
  Deejay TV             
  Bloomberg             
  Magic TV               
  TV Parma              
  Repubblica            
 
----  TV  ESTERE -----
  Channel 125          
  Mania TV               
  Radio Digital radio  
  RTL                        
  NASA                    
  Taru                       
  Byu                        
  Kukak TV                

Il Punto
Editoriale del Webmaster

Per contattarci


 


vai su

Tutti i loghi ed i marchi sono dei rispettivi proprietari.
Policy-Disclaimer

Home Page | Medicina Generale | Dica 33 | Farmacie di turno
Cooperativa "Vesevo" | Area Sindacale | Archivio | Tempo Libero | Download

Sito aggiornato il  



Webmaster dott. DE LIGUORO

© 2007 Powered by
 
DeLiWeb - 2007